Moor Mother + SabaSaba – Anteprima JID2022

Moor Mother + SabaSaba – Anteprima JID2022

▶︎ SABATO 7 MAGGIO
▶︎ 22.00

▶︎ TICKET ONLINE 10 €  ☞ Qui

TIMETABLE
– 18.00 Visioni Soniche – Mostra e aperitivo presso Jigeenyi sonorizzato da Andrea Passenger
– 21.00 Apertura porte
– 21.30 SabaSaba LIVE
– 22.30 Moor Mother LIVE
– 00.00 Stefania Vos dj set
– 01.30 DOPS dj set
– 03.00 Sense Fracture dj set

Sabato 7 maggio arriva a Torino Moor Mother, al Bunker per un’anteprima di Jazz is Dead Festival.
Moor Mother è dea e guerriera allo stesso tempo, mistica e cyborg, griot e viaggiatrice futuristica. Da decenni incide rumorose fantasie discografiche per la scena sperimentale internazionale: pluripremiata e posizionata dalla critica in vetta alle migliori classifiche, è un’artista dall’animo profetico e ipnotizzante. Regina dei generi che trascendono i confini, inafferrabile performer. Come solista travalica le aspettative e trascina in un viaggio grazie a una moltitudine di strumenti e voci che si riversano nell’etere per creare qualcosa di sconosciuto. Una guida per i viaggiatori del tempo del mondo moderno. Buon viaggio!

Il suo live godrà al massimo della location non convenzionale: lo spazio industriale del Bunker di Torino farà da amplificatore psicofisico regalando un’esperienza coinvolgente, resa ancora più forte dalla presenza degli artisti d’accompagnamento. La selector pugliese Stefania Vos oscilla tra dancefloor music ricca di beat sincopati, basse frequenze e attitudini creole, astratte e intimiste, i SabaSaba sono oscuri, ossessivi e cinematografici, perfetti generatori d’ambiente, tra dub e industrial.

MOOR MOTHER
Camae Ayewa (Moor Mother) è musicista, poeta, artista visiva. È la voce performante in tre gruppi eccezionali: Irreversible Entanglements, MoorJewelry e 700bliss.
Come Moor Mother ha pubblicato nel 2016 il suo album di debutto Fetish Bones su Don Giovanni Records ottenendo il plauso della critica. Fetish Bones è stato nominato il terzo miglior album dell’anno da The Wire, definito da Jazz Right Now “uno dei dischi più innovativi e importanti del 2016” ed è apparso in numerose liste di fine anno tra cui Pitchfork, Noisy, Rolling Stone e Spin. È stata nominata da Rolling Stone uno dei “10 New Artists You Need To Know”, nonché emersa tra gli artisti dell’anno 2016 di Bandcamp. (Il libro di poesie d’esordio di Camae, chiamato anche Fetish Bones, è stato pubblicato da The AfroFuturist Affair.)
Dopo Fetish Bones pubblica più album ogni anno. Nel 2017, CTM X Vinyl Factory commissiona il suo album The Motionless Present, seguito da Crime Waves in collaborazione con il collega produttore di Philly Mental Jewelry e Clepsydra, “una raccolta di suoni per scrittori”.
Nel 2020 ha lanciato una serie di uscite con il musicista svedese Olof Melander. Intitolati Anthologia, i progetti sono pensati per raccogliere fondi per la giustizia della disabilità. Ha lavorato di nuovo con Melander e Mental Jewelry su Forever Industries, una pubblicazione del 2020 che presenta due singoli hip-hop sperimentali dalle sfumature jazz. Più di recente, Ayewa ha pubblicato BRASS una collaborazione con il rapper Billy Woods. In precedenza ha lavorato con Woods nel suo acclamato album del 2020 Shrines e nella canzone “Furies”, che è stata inclusa nella serie di singoli Adult Swim.
Come Moor Mother, si è esibita nei migliori club e festival internazionali: Berghain, Borealis, CTM Festival, Le Guess Who, Unsound, Flow e Donau Festival, Rewire, Boiler Room e MOMA PS1. È stata elogiata su riviste come Quietus, Interview Magazine, The Guardian, Crack e Pitchfork.

Nell’autunno 2020, Ayewa ha presentato Circuit City, un’esplorazione teatrale futuristica, un ragionamento sulla proprietà pubblica/privata. In qualità di artista del paesaggio sonoro e visivo, il lavoro di Camae è stato presentato alla Biennale del Baltico, al Samek Art Museum, a Vox Populi, alla Pearlman Gallery, al Metropolitan Museum of Art di Chicago, all’ICA Philadelphia, a Bergan Kunstall, alla Hirshorn Gallery e a The Kitchen NYC. Artista performativa di lungo termine al Moog Festival, alla Vox Populi Gallery e alla Icebox Gallery. L’operato del suo collettivo, Black Quantum Futurism (BQF), è stato presentato in mostre allo Schomburg Center, alla Rebuild Foundation, alla Temple Contemporary alla Tyler School of Art e alla Serpentine Gallery.
Ayewa ha ottenuto un Pew Fellow (2017), un The Kitchen Inaugural Emerging Artist Awardee (2017), un Leeway Transformation Awardee, un Blade of Grass Fellow come parte di Black Quantum Futurism (2016) e Rad Girls Philly Artist of the Year (2017). È stata selezionata come artista residente al West Philadelphia Neighborhood Time Exchange e al WORM! di Rotterdam e presentato con Black Quantum Futurism al Transmediale Festival di Berlino 2017. Nel 2021, Black Quantum Futurism ha ricevuto la nuova borsa di studio per l’arte e la tecnologia della Knight Foundation.

Ha organizzato workshop alla Cornell University, MOFO Festival, Moogfest, Black Dot Gallery e altri. Ha lavorato come mentore alla NYU e all’Arts Institute di Chicago. È co-fondatrice e curatrice di Rockers! Philly, una serie di eventi e festival incentrati su musicisti e artisti emarginati che abbracciano più generi.

 

Quando

7 maggio

}

Orari

22.00

Dove

bunker 

Email

tumtorino@gmail.com

Organizzatore

Bunker | Arci torino